Halloween – sfatiamo un mito

halloween.jpg

Ci risiamo. Un altro novembre sta per iniziare insieme alle varie lamentele sulla festa di Halloween. “Quando ero giovane io non si festeggiava, si aveva rispetto per i morti”, “Halloween è l’ennesima americanata”, ecc.

Innanzitutto non è vero che Halloween, o la vigilia di Ognissanti, come la si preferisce chiamare (Halloween è la forma irlandese contratta di All Hallows’ Eve), è una festa irrispetosa nei confronti dei morti. In Piemonte, un tempo, le famiglie, dopo aver mangiato e recitato il rosario, lasciavano la tavola imbandita e i letti liberi, in modo che i morti potessero rifocillarsi e riposare. Si usava inoltre svuotare le zucche e intagliarle con ghigni spaventosi e accendere una candela al loro interno, in modo da allontanare spiriti ostili. Queste usanze sono simili in tutta Europa, ma differiscono in alcuni particolari.

Non è vero che Halloween è una festa nata in America. Negli Stati Uniti ha preso la sua forma attuale grazie alle migrazioni che hanno portato le diverse culture ad incontrarsi e a condividere e far confluire in un’unica festa tradizioni comuni.

E’ ovvio che in Europa è diventata un fenomeno principalmente commerciale: ci guadagnano i negozi che vendono costumi, zucche di ogni dimensione e i più svariati accessori e i locali che organizzano feste.

Ma tutto ciò non ha nulla a che vedere con il rispetto per i morti. Meglio festeggiare che chiudersi in casa per rispetto. Ma rispetto di cosa esattamente?

Annunci

4 pensieri su “Halloween – sfatiamo un mito

  1. Richard ha detto:

    Anche se è da qualche anno che alla fine il 31 ottobre combino sempre qualcosa, non è che io muoia dalla voglia di festeggiare Halloween.
    Per carità, alla fine mi piace festeggiare ma in fin dei conti questa non è una festa legata alla nostra tradizione, è stata importata dagli USA, lì la vedono come una sorta di carnevale. Mi pare che qui da noi più che altro sia stata “imposta” per strategie di tipo economiche (e chi meglio di me può dirlo). Tra le vacanza estive e Natale ci sono 3 mesi di calma sul fronte degli acquisti, quindi conviene inserire giusto a metà una bella festa che faccia girare un po’ di soldi. Ecco quindi che i supermercati si riempono di costumi e gadget, si fanno feste nei locali, si mettono decorazioni “macabre”…… Che poi si festeggino i morti, i santi o le castagne poco importa. La sera i bambini girano nelle case del quartiere gridando “dolcetto o scherzetto” nella speranza di prendere qualcosa di buono e invece nella maggioranza dei casi si prendono un potente “2 di picche” perchè quasi nessuno si aspetta una loro visita. Insomma, in Italia festeggiamo il “che cosa non si sa”, i commercianti lo fanno per soldi e i bambini per golosità ma entrambi sono spinti da una forte dose di ignoranza e da un forte desiderio di emulazione delle mode USA. Per tutti questi motivi non muoio dalla voglia di festeggiare. Ci sono anche dei lati positivi che non vanno dimenticati: col pretesto di Halloween spesso riusciamo sempre ad organizzare una festa e la cosa non è di certo male (come dice Homer Simpson”una festa è pur sempre una festa”). E poi in fin dei conti per una volta abbiamo importato qualcosa di carino, è una serata di divertimento. Di solito dagli USA importiamo diete idiote, mode stravaganti, telefilm di bassa qualità e altra porcheria…. Quindi stavolta possiamo ritenerci fortunati!

    Infine penso che tra qualche anno Halloween sarà a tutti gli effetti inglobata nell’insieme delle nostra feste. Nessuno si porrà più la domanda morale sul fatto di festeggiare o meno, nessuno si chiederà da dove arriva, nessuno parlerà più di mancanza di rispetto vero si morti et simili… Si festeggerà e basta. E molto probabilmente nessuno saprà che la voglia di festeggiare Halloween è iniziata negli anni ’90 ed è arrivata tramite film, telefilm e cartoni che mostravano all’Italia il “carnevale macabro” che ogni 31/10 si svolge in America (basta pensare ai Simpson e al film “Il Corvo”).

    Mah si, chi se ne frega, il prossimo anno ci vestiamo tutti come i protagonisti di Shrek!

  2. Dario De Seppo ha detto:

    Non festeggio nulla che sia stato concepito da una civiltà fiorita a nord di Roma.
    A parte gli scherzi, in realtà pare che questa festa fosse anticamente il capodanno celtico, che coincideva con l’inizio dell’autunno, la natura che và in letargo.
    Poi ovviamente, nonstante la romanità e l’evangelizzazione forzata delle popolazioni celtiche nei primi secoli del cristianesimo, il culto pagano è rimasto, e la Chiesa non potendo nulla, lo ha inglobato installandoci sopra elementi cristiani e quindi istituendo il Giorni dei Morti. Cose che capitano quando due civiltà diverse si incontrano.
    O sbaglio?
    Quello che non piace, e sono d’accordo con Rich, non è tanto il fatto che sia una festa consumistica…(chi lo dice è un moralista, ed è anche un ipocrita: non dovrebbe festeggiare nemmeno il Natale, a questo punto)…è che la gente lo festeggia così, per moda, senza sapere niente.
    Oddio…ci sarebbe da chiedersi a volte se tutti sanno cosa festeggiano quando si sta a casa dal lavoro e da scuola il 25 aprile, o a Pasqua…
    L’ignoranza è la via più semplice verso la felicità. Felicità piuttosto triste, se mi è permesso.

  3. babyjan ha detto:

    Per ovvi motivi vorrei fare Ciuchino…anche se Cri mi vede meglio nel ruolo di Fiona (non Orchessa, intendiamoci ;))
    Per ora il mio unico cbiettivo è RUBARE LE ORECCHIE DI SHREK A SARA! AHAHAH :p

  4. Sara ha detto:

    ..avevo scritto un commento(il primo) su halloween ma è sparito…che ci sia una certa censura poco cotrollata???
    comunque dicevo grazie a Baby per le delucidazioni…e che comunque consumismo, o non consumismo, moda o non halloween non è una festa che ci appartiene, e tolto il fatto che non mi piace questo periodo dell’anno per motivi che mi rendono triste, se non ci fosse per me sarebbe lo stesso
    bababaciiii

    p.s.: non me le ruberai MAIIII buahahah

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...